cheap Super Bowl jerseys The big story in the West is the fact that the Lakers may miss the post season for the first time since the 2004 2005 season. wholesale nfl jerseys You're facilitating the problem if you give an animal or a person ample food supply. CARBOHYDRATES: 18 grams. http://www.miamidolphinsjerseyspop.com Christina said she roars when she hits the stage and seems to black out and just go there. Flat shoes with rubber sole last long in the rainy season. With that, you cannot design too large or smaller bracelets than your wrist. Nobody has seen this apparel before, and most of these shoe styles you can find anywhere else in the United States. cheap nfl jerseys Think the New York Knicks. Valli, who is starting his 10th year with the club, is relegated to backup status in support of Player and left guard Kirby Fabien.. For example, the combined company would own both Fox News and CNN, claiming a huge market share in news broadcasting, and this would definitely raise some scrutiny from the federal government. We have seen umpteen cases before. Shoes come recommended by the podiatrists at Healthy Feet Shoe online. wholesale mlb jerseys If they were not, then they could not perhaps turn a profit. wholesalejerseysi You need 20 wickets to win a game. Lie flat on your stomach with hands resting at your sides. First you have to roll out the gumpaste to very thin layer. We just try to have a better result if we happen to get back to that point.". cheap jerseys The sentences will be concurrent, and he won be eligible for parole for at least 18 months.. Especially here in the Middle East, where cultural senstivities are key, you have to be very careful.

wholesale jerseys

Now, think about his basketball shortcomings. With that in mind we'd like to offer you this primer on the game and the sport on general.. The hike itself is up river (going in) and downriver (coming out). Johnson opened with two quick birdies, kept a one shot lead in the playoff when Oosthuizen missed a 5 foot par putt on the 17th hole and won the Open when the South African the last player to lift the jug at St. You might also want to wear band aids on the balls of your feet and above the heel, just in case the shoes still need more breaking in afterwards.. But Uefa did take a dim view of some aspects of the way City paid themselves nearly 50m from the sale of image rights and intellectual property to third parties.. miamidolphinsjerseyspop It is wise to maintain a document of images of marital relationship outfits that you like from wedding event publications, promotions or promos of stores, if you have strategies to obtain wed within a year.. wholesale nba jerseys One customer is an Internet company and the other is enterprise focused. But, he said, he would fight for "Braddock values" in Washington..

wholesale mlb jerseys

Recently released estimates for the month of July show another spike in non wage expenditures and operational expenditures for July alone account for nearly a quarter of the entire year budget. Plenty of A list presenters will be on hand, including Amy Adams, Kristen Bell, Jessica Biel, Jim Carrey, Glenn Close, Bradley Cooper, Penelope Cruz, Benedict Cumberbatch, Viola Davis, Daniel Day Lewis, Robert De Niro, Zac Efron, Sally Field, Harrison Ford, Jamie Foxx, Andrew Garfield, Jennifer Garner, Whoopi Goldberg, Joseph Gordon Levitt, Anne Hathaway, Goldie Hawn, Chris Hemsworth, Kate Hudson, Samuel L.
ANTIDEPRESSIVI

#146 ANTIDEPRESSANT – Revolutionary Exciter with Algiers

#146 ANTIDEPRESSANT - Revolutionary Exciter with Algiers

Spineless Laugh

#146 ANTIDEPRESSANT - Revolutionary Exciter with Algiers

#146 ANTIDEPRESSANT – Revolutionary Exciter with Algiers

Ettore Spattini, classe 1921, anni 96 (più quelli che gli restano ancora da bestemmiare), detto Tumulto, ormai sempre più spesso, mentre guarda il telegiornale, giù al bar, nella televisione appesa sopra il frigo dei gelati, scuote la testa rassegnato e mormora tra sè e sè:

Come si fa a andare avanti così? Qua ci vuole la rivoluzione.

Badate bene, non una rivoluzione, una di quelle rivolte specifiche dovute a tutta una serie di cause e con un ben preciso obiettivo da raggiungere: LA rivoluzione. E ancora, a scanso di equivoci, non quella con la R maiuscola, la madre di tutte le rivoluzioni, sacra, inevitabile e giusta, ma semplicemente quella con l’articolo determinativo, la rivoluzione a prescindere: no matter why, no matter what.

Io lo capisco, il povero Ettore, perchè uno che ha visto nascere e morire Berlinguer e ora si ritrova di fronte Fassina come può non pensare che ormai siamo arrivati a un punto che non importa nemmeno più quale rivoluzione si fa, che sia la rivoluzione francese, quella d’ottobre o semplicemente quella volta che in uno slancio di ribellione adolescenziale a quindici anni rispondesti “no” a tua madre che a tavola di aveva chiesto “mi passi il sale?”. Senza aggiungere “per favore” intendo. Come può non rassegnarsi al fatto che ormai l’unico tentativo estremo è quello di rovesciarla così alla cazzo, la tavola, nella speranza che quelle che ci sono attaccate sotto siano caccole meno imbarazzanti di quelle che poco prima ci stavamo degustando nel piatto?

Il problema è: chi glielo spiega ora, a Tumulto, lui che si è fatto due guerre e due dopoguerra e che ancora è convinto che la rivoluzione si possa fare sul serio andando a Roma coi forconi, che noi al massimo le rivoluzioni — oggi — le facciamo comodamente seduti su una sedia da ufficio Renberget (IKEA, 44,99€) commentando i post di Mentana sui social tramite un profilo fake che ha come avatar la foto del nostro collega di scrivania?

Niente paura: non c’è nessun bisogno di tornare in trincea durante la campagna di Russia senza riscaldamento o di attraversare di nuovo l’Adige con gli scarponi lisi e zuppi d’acqua — per altro senza le motivazioni che potrebbe dare un corso di rafting con una GoPro attaccata alla canoa — mentre mormora calmo e placido. Non c’è nemmeno da imparare a navigare il Deep Web con Salvatore Aranzulla.

Però, se anche tu senti fortissima la necessità di trovarti in prima fila a combattere (per) un’ideologia ma ti manca il tempo, la voglia, il coraggio o anche solo un connessione a banda larga decente, se il bisogno di metterci la faccia — senza prima ripassarla con una bandiera in trasparenza à la #jesuis — ti è risalito improvvisamente a galla come l’impepata di cozze che hai postato ieri su Instagram, se vuoi evolverti da semplice troll a subcomandante Narcos e saltare subito al livello rage against the machine senza passare dalla fase minchia bordello, sappi abbiamo la pillola che fa per te.

Un suppostone nero da tre etti interamente sintetizzato a partire da un principio attivo sovversivo e carbonaro, pronto a sprigionare tutta la sua furia insurrezionale quando e dove meno te lo aspetti: gli Algiers, band ufficialmente originaria di Atlanta (anche se i suoi membri si dividono ormai principalmente tra Londra e New York) appena uscita con il secondo album The Underside of Power, un’opera multi-razziale che grida con un suono moderno il dolore della negritudine (anti) coloniale dalle parti basse degli Stati Uniti alle parti alte della classifica di Pitchfork, mischiando sapientemente gospel e post-punk per sfidare il sistema capitalista con virtuosa indignazione. La loro musica è un bilanciamento stereo epico quanto caotico, come se in un orecchio ti stessero sussurrando un trattato marxista mentre nell’altro ti risuonasse un organo da chiesa, accompagnato da un coro soul che ti dice in quale ordine spaccare le vetrine dei padroni. Una roba che non fa domande nè prigionieri, ma richiede risposte e azioni immediate, vuole penitenza e confessioni, mentre ti fa a pezzi tutte le aspettative.

Prendetene tutti, questa è una strage di corpi.
E non abbiate paura delle conseguenze: anzi, se sentite che l’effetto sta per svanire, prendetene un’altra, e poi un’altra. E poi un’altra ancora.

Almeno finché qualcuno non vi segnala alla polizia postale, i moderatori vi chiudono temporaneamente l’account di Facebook e vi tocca tornare a lavorare sul serio.


01. ALGIERS – The Underside of Power (04:10)
02. FORMATION – Powerful People (03:38)
03. PREOCCUPATIONS – Memory (11:27)
04. OUGHT – Beautiful Blue Sky (07:53)
05. PROTOMARTYR – Dope Cloud (03:03)
06. PLEASURE HOUSE – Calm (02:50)
07. CAR SEAT HEADREST – Vincent (04:26)
08. ALGIERS – Cleveland (03:46)
09. SLEAFORD MODS – Moptop (02:49)
10. SPECTRES – Dissolve (07:35)
11. OXBOW – Cold & Well-lit Place (04:52)
12. MARK LANEGAN – Beehive (03:58)
13. EAGULLS – Skipping (04:06)
14. THE KVB – In Deep (03:27)
15. ALGIERS – Blood (05:38)


(agisce in 1:13:38 min.)

photo credits © Olivia Bee

Related