cheap Super Bowl jerseys The big story in the West is the fact that the Lakers may miss the post season for the first time since the 2004 2005 season. wholesale nfl jerseys You're facilitating the problem if you give an animal or a person ample food supply. CARBOHYDRATES: 18 grams. http://www.miamidolphinsjerseyspop.com Christina said she roars when she hits the stage and seems to black out and just go there. Flat shoes with rubber sole last long in the rainy season. With that, you cannot design too large or smaller bracelets than your wrist. Nobody has seen this apparel before, and most of these shoe styles you can find anywhere else in the United States. cheap nfl jerseys Think the New York Knicks. Valli, who is starting his 10th year with the club, is relegated to backup status in support of Player and left guard Kirby Fabien.. For example, the combined company would own both Fox News and CNN, claiming a huge market share in news broadcasting, and this would definitely raise some scrutiny from the federal government. We have seen umpteen cases before. Shoes come recommended by the podiatrists at Healthy Feet Shoe online. wholesale mlb jerseys If they were not, then they could not perhaps turn a profit. wholesalejerseysi You need 20 wickets to win a game. Lie flat on your stomach with hands resting at your sides. First you have to roll out the gumpaste to very thin layer. We just try to have a better result if we happen to get back to that point.". cheap jerseys The sentences will be concurrent, and he won be eligible for parole for at least 18 months.. Especially here in the Middle East, where cultural senstivities are key, you have to be very careful.

wholesale jerseys

Now, think about his basketball shortcomings. With that in mind we'd like to offer you this primer on the game and the sport on general.. The hike itself is up river (going in) and downriver (coming out). Johnson opened with two quick birdies, kept a one shot lead in the playoff when Oosthuizen missed a 5 foot par putt on the 17th hole and won the Open when the South African the last player to lift the jug at St. You might also want to wear band aids on the balls of your feet and above the heel, just in case the shoes still need more breaking in afterwards.. But Uefa did take a dim view of some aspects of the way City paid themselves nearly 50m from the sale of image rights and intellectual property to third parties.. miamidolphinsjerseyspop It is wise to maintain a document of images of marital relationship outfits that you like from wedding event publications, promotions or promos of stores, if you have strategies to obtain wed within a year.. wholesale nba jerseys One customer is an Internet company and the other is enterprise focused. But, he said, he would fight for "Braddock values" in Washington..

wholesale mlb jerseys

Recently released estimates for the month of July show another spike in non wage expenditures and operational expenditures for July alone account for nearly a quarter of the entire year budget. Plenty of A list presenters will be on hand, including Amy Adams, Kristen Bell, Jessica Biel, Jim Carrey, Glenn Close, Bradley Cooper, Penelope Cruz, Benedict Cumberbatch, Viola Davis, Daniel Day Lewis, Robert De Niro, Zac Efron, Sally Field, Harrison Ford, Jamie Foxx, Andrew Garfield, Jennifer Garner, Whoopi Goldberg, Joseph Gordon Levitt, Anne Hathaway, Goldie Hawn, Chris Hemsworth, Kate Hudson, Samuel L.
NEWS FROM 2186

I veri motivi per cui si sciolgono le band – Parte Prima

I veri motivi per cui si sciolgono le band - Parte Prima

I veri motivi per cui si sciolgono le band - Parte Prima

I veri motivi per cui si sciolgono le band – Parte Prima

La gente che non ha mai suonato uno strumento in vita sua si immagina la vita di una band come qualcosa di gioioso e comunitario. Un affiatato gruppo di amici che condivide una forte passione. Nulla di più falso: se volete rovinare un rapporto umano, metter su una band potrebbe essere una buona strategia.
Il punto è che prima della musica vengono un sacco di questioni poco glamour da condividere e organizzare: orari delle prove, spese per la registrazione, passaggi in macchina, concerti, sound check, scelta della copertina per l’album, strumentazione mancante, chi porta le birre, a che livello di sbronza puoi giungere alle prove, quanto ci metti a montare, ti lavi?, rispondi al cellulare?, anche diversi “ti ho mai detto che ti amo”.
Che ci crediate o no, è su queste questioni che si gioca il futuro del progetto musicale.
Ed è proprio per questo che quando un vostro amico alla domanda “ehi ma quand’è il prossimo concerto della tua band?” risponderà “no io non suono più con loro, abbiamo preso strade artistiche diverse”, non dovete credergli. Di sicuro il vero motivo per cui la band si è sciolta o lo ha lasciato a piedi, rientra in questa lista.

1

IL RITARDO CRONICO – Oltre a Vladimir Putin, ne soffre il 90% dei musicisti. Non è un problema se avete tra voi un batterista ricco con garage attrezzato a sala prove, ma se invece dovete prenotare un orario preciso in una richiestissima sala prove della vostra città (quella dove gli ampli spaccano ma devi chiudere un occhio sulla presenza di pantegane), in quel caso il ritardo cronico potrebbe essere un problema. Canonica mezzora di sfaso a cui si aggiungono i tempi di montaggio, il discutere il da farsi, la pausa-sigaretta e via il gioco è fatto: avrete provato un pezzo una volta ed è già ora di andare. Alla lunga il ritardo cronico si dimostra essere una specie di mandria di cavallette che si mangia tutto il tempo prezioso per fare qualsiasi cosa. C’è da prepararsi per un concerto? Siamo in ritardo. C’è da finire un arrangiamento prima di registrare? Siamo in ritardo. Non dovevi scrivere il testo per quella strofa? Siamo in ritardo etc etc etc. E in due mesi di vita la band sarà rimasta ancora lì, con Peppino che aspetta che Giorgio lo venga a prendere mentre in realtà Giorgio sta ancora dormendo allora Peppino si mette a dormire e quando arriva Giorgio non è ancora pronto.

2

L’AMBIZIONE – Ogni band ha un membro che tende ciclicamente a rompere i coglioni agli altri con “sto gruppo che tanto mi ha ispirato nelle ultime settimane dovete ascoltarlo”. Molte volte è solo la fiacca colonna sonora di una scopata particolarmente brillante, e che quindi a meno che non siate i Modà non potrà aiutarvi in nessun modo nel processo creativo. Preso atto delle nuove ispirazioni del musicista innamorato, gli altri membri torneranno ben presto a ignorarlo come da regolamento. Almeno fino a che “ragazzi dovete sentire questo gruppo che mi ha accompagnato lungo tutta la mia vacanza di agosto in Salento”. A quel punto di solito si caccia il membro dal gruppo ma dato che suonavate nel suo garage e oltretutto era lui a portare le birrette la vostra band si scioglierà lasciando in eredità solo una pagina di Facebook con 16 fan e una paio di foto in bianco e nero delle prove. Condoglianze.

3

L’ASSENTEISMO (mentale e fisico) – C’è sempre quello a cui la cosa frega meno degli altri. Quello che non risponde alle mail, quello che ogni volta che c’è da fare qualsiasi cosa“quel giorno non riesco”, quello che si porta la fidanzata alle prove e lei lo bacia mentre suona. Sì è proprio lui, durante le prove per lui va sempre tutto bene ed è capace di suonare un pezzo diverso dal resto del gruppo e non accorgersene. Di solito tali soggetti sono sfigatamenti insostituibili: è l’unico che conosci con quel synth figo, è l’unico con la macchina, è l’unico con il garage per provare, l’unico suonatore di ghironda e in definitiva guarda caso voi altri siete gli unici coglioni che se lo tengono attaccato al piede.

4

LA CIALTRONERIA – Come ogni cosa organizzata dopo il sesto vodka tonic, anche i gruppi musicali sono vittime della grandiosità barzotta da baretto. I migliori musicisti del mondo non danno il meglio di sé nei palchi del Glastonbury o dello Sziget, ma nei tavolini del bar di un paese di periferia. Possibilmente alticci. Possibilmente a mezzogiorno. Un numero indefinito che vai dai centimetri del girovita di mia nonna Ines e tende all’infinito. Questa secondo il governo ombra del comune di Squinzano (LE) la stima dei gruppi musicali nati tra cialtroni ubriachi e alla fine dei conti mai concretizzati. Per settimane i musicisti parlano addirittura del nome della band. Offrono colte citazioni di band 70’s cui ispirarsi e ridendo ma non troppo scherzano su quale abbigliamento provocante indossare sul palco. Alcuni megalomani si dice pensino anche a dei riff di chitarra. Ma sono voci non confermate. Ovviamente in saletta non ci entreranno mai. Tuttavia, la loro cialtroneria li porterà a strappare un limone alle turiste che spaesate si ritroveranno per caso in quel baretto una domenica di agosto credendo di aver trovato il futuro Jimmy Page. Alla fine dei conti, un sistema economico sostenibile, se valutati i costi e i benefici.

5

LA TIRCHIAGGINE – Mettere su un gruppo è la cosa più costosa più lontana ad un investimento redditizio che potete fare. Dovete aver subito chiaro che tra le cose che perderete in queste impresa non ci sono soltanto tempo, salute, pazienza, fiducia nel prossimo e autostima ma anche, soprattutto, SOLDI. C’è da spendere per tutto: strumenti, registrazioni, stampa del disco, benzina per gli spostamenti, sala prove… C’è da guadagnare: niente. Ritieniti fortunato che la cosa ti piaccia per più di 3 mesi e che ti paghino ogni tanto qualche concerto per rientrare del 10% delle spese. Tuttavia sebbene questo sia chiaro ai più c’è sempre colui che vuole spender meno degli altri, quello che “ma sì il disco ce lo registra mio cugino poi lo mixa il mio coinquilino poi ne masterizzo qualche copia con il pc poi mia sorella ci fa la copertina”.

Continua, non finisce qua.

Post in collaborazione con thisnothat

 

Pill Pusher

Laura Agnusdei

Discepola della dottrina multitasking passa le sue giornate tra musica, libri e cinema. Si occupa della cronaca immaginaria di questo millennio, confezionando news-caramelline dal pianeta terra. È saxofonista presso Sex With Giallone
Vedi i suoi ultimi post

Related